© 2018 by Jlenia Adain Rodolfi

Il Metodo Di Bella (MDB) fu così denominato dal suo ideatore, il Prof. Luigi Di Bella, per sottolineare come la lotta contro il tumore non possa fondarsi su una serie fissa di farmaci ("protocollarismo"), ma esiga una cultura medico-scientifica a largo raggio, in grado di tener conto del paziente nel suo insieme e delle molteplici ed irripetibili particolarità individuali. Questo impone una visione scientifica ampia e profonda nonché la padronanza di fisiologia, biologia e biologia molecolare, chimica organica ed inorganica, fisica, chimico fisica.
Le ricerche condotte portarono lo scienziato, già all'inizio degli anni '40, a considerare il cancro come una malattia sistemica, che si manifesta a carico di organi o distretti dell’organismo ma prende il via da un generale squilibrio di fondamentali processi biologici dell'individuo. La massa tumorale non coincide con il tumore, ma ne è soltanto la più evidente manifestazione. Ne discende quindi che, eliminando la massa, non si elimina anche il processo tumorale che si ripresenta sistematicamente e spesso con maggior virulenza. Questo il motivo fondamentale per il quale il MDB rifiuta la chemioterapia (terapia citotossica), che danneggia prima le cellule sane, meno resistenti di quelle tumorali e compromette fondamentali funzioni fisiologiche dell'organismo.
Viceversa il MDB è una "terapia biologica", priva di tossicità, che non si propone di "uccidere" le cellule anomale ma di renderne impossibile la riproduzione, lo sviluppo e la crescita, rafforzando nel contempo le difese immunitarie dell'organismo. L'eliminazione delle cellule neoplastiche avrà luogo ma mediante il processo di "apoptosi" (morte naturale) al quale viene condannata ogni forma di vita alla quale venga impedito di alimentarsi e di crescere.
L'assunto fondamentale del M.D.B. è quindi che il tumore è una forma di vita: vita potente e prepotente ma sempre vita e come tale deve essere studiato ed affrontato.
Dal punto di vista più strettamente terapeutico, il Metodo Di Bella fa ricorso (in estrema sintesi) a sostanze che contrastano i "fattori di crescita" , cioè quei processi che promuovono lo sviluppo e la crescita cellulare. E’ importante rilevare che si tratta di sostanze che sono naturalmente elaborate da varie ghiandole dell’organismo. Non esisterebbe infatti vita senza meccanismi di controllo e limitazione dei fattori di crescita. Nel Metodo vengono impiegati anche principi attivi che influiscono sui processi di differenziazione cellulare e potenziano le difese immunitarie.

LA STORIA DEL PROF. LUIGI DI BELLA

Il Professor Luigi Di Bella nasce a Linguaglossa, in provincia di Catania, il 18 Luglio 1912, ultimo di tredici figli. Conseguita la maturità, si iscrive alla Facoltà di Medicina e Chirurgia, e nel 1936 si laurea, a Bari, con 110 e lode.Nello stesso anno consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica presso l'Università di Parma, Ateneo presso il quale riceve l'incarico di aiuto alla Cattedra di Fisiologia Umana per un periodo di tre anni.Nel 1939 è nominato, a soli ventisette anni, assistente ordinario alla Cattedra di Fisiologia Umana presso l'Università di Modena, presso la quale nel 1943 viene incaricato dell' insegnamento di Fisiologia Generale per i corsi di laurea in Scienze Naturali, Scienze Biologiche e Farmacia.Nel 1948 consegue la libera docenza in Fisiologia Umana e Chimica Biologica, dopo di che, per completare quel bagaglio culturale che ogni medico dovrebbe avere, il Professore Di Bella consegue anche la Laurea in Chimica, e, qualche tempo dopo, pure quella in Farmacia.Gli è riconosciuta la maturità, scientifica e didattica alla Cattedra di Fisiologia Generale e Speciale, con elementi di Chimica Biologica, e quella alla Cattedra di Fisiologia Umana.Successivamente diviene Professore Incaricato di Fisiologia Umana I°, corso fondamentale per conseguire la Laurea in Medicina e Chirurgia.E' socio della Società Medico Chirurgica di Modena, della Società Italiana di Biologia Sperimentale, della Società Italiana di Nutrizione Umana, della Società Italiana di Fisiologia, della European Chemoreception Organisation, dell' European Pineal Study Group, della New York Academy of Sciences.

LETTURE SUL TEMA

  • Il Metodo Di Bella, del Dr. Giuseppe Di Bella, sul razionale del MDB e il suo riscontro nella letteratura mondiale, contattare: Mattioli 1885 SpA Casa Editrice, I proventi del libro saranno interamente devoluti alla SIBOR-MDB.

  • Un pò di verità sulla terapia Di Bella, di Vincenzo Brancatisano con il contributo di Ivano Camponeschi e la collaborazione di Patrizia Mizzon (AIAN ROMA ) , prefazione del Prof. Di Bella . Ediz.TRAVEL FACTORI srl Roma. Libro dossier: L'arroganza e l'incomprensione dei politici ,l'ostilità dei baroni della medicina,le "anomalie" della sperimentazione , gli interventi della magistratura , le statistiche gonfiate. E i malati ? Stanchi di subire vessazioni e ricatti psicologici e nonostante la controinformazione , continuano a ricorrere alla terapia Di Bella e a trarne beneficio . Gli obiettivi : fare chiarezza e rendere la terapia disponibile nelle strutture pubbliche , nel pieno rispetto delle modalità messe a punto dal Prof. Di Bella.

  • Di Bella l'uomo , la cura , la speranza. Di Vincenzo Brancatisano "BIOGRAFIA AUTORIZZATA. "E' nobile estinguere un dolore , accendere un sorriso di pace e di speranze sul viso smarrito ,portare un raggio di luce nel buio disperato di una prognosi infausta......Mi auguro di ridurre il male e sovvenire al prossimo facendo il vero e profondo bene " Luigi Di Bella

  • Guarire si può con il metodo Di Bella A cura dell' associazione nazionale famiglie contro il cancro con venti testimonianze raccolte da Alessandro Mischi. "La nostra battaglia è ancora tutta da vincere. Speriamo che questo volume , con il suo repertorio di informazioni e testimonianze , riesca ad orientare utilmente chiunque ne abbia bisogno ; e sono certo moltissimi ad averne bisogno nel pamorama , alquanto caotico , delle iniziative sorte a sostegno della terapia Di Bella" Alberto Rivaira

  • Cancro siamo sulla strada giusta? Di Luigi Di Bella con la collaborazione di Giuseppe Di Bella , Giancarlo Minuscoli , Achille Norsa , Mauro Madarena. Scopo di questo libro è tentare di indurre a cambiare strada nella terapia dei tumori. È difficile rimuovere metodi perfettamente organizzati che godono di appoggi politici, economici e organizzativi ma, anche David osò combattere contro Golia. Ho raggiunto buoni traguardi in silenzio, ignoto a molti ma non ai pazienti ed ai parecchi colleghi che hanno creduto perchè hanno provato.  I miei protocolli di cura sono stati adottati, negli ultimi 25 anni, da oltre 10.000 pazienti, i risultati ottenuti e le tante remissioni mi hanno convinto che oggi, finalmente, possiamo avere meno paura dei tumori. È nobile estinguere un dolore, accendere un sorriso di pace e di speranza su un viso smarrito, portare un raggio di luce nel buio disperato di una prognosi infausta. Con la diffusione delle mie terapie, e grazie alla solidarietà dei colleghi, mi auguro di ridurre il male e sovvenire al prossimo facendo il vero profondo bene. Luigi Di Bella

  • Egregio Professos Di Bella Di Adolfo Di Bella prefazione e postfazione del Prof. Luigi Di Bella. È questo il libro che permette di conoscere a fondo Luigi Di Bella, l'uomo e medico che ha rivoluzionato il sistema sanitario italiano. " Prof. Di Bella ha portato allo scoperto tutti i limiti del rapporto attuale tra medico e paziente ed i limiti e le inefficienze delle strutture pubbliche; ancor più gravi quando a farne le spese sono gli ammalati di tumore. Adolfo Di Bella ha raccolto per 20 anni esperienze dirette e testimonianze da cui emerge il bisogno di cambiamento. Il Prof. Di Bella ha aperto nuovi orizzonti alla cura del cancro; bisogna proseguire sulla strada che ha indicato, per progredire nei risultati e per restituire ai malati dignità, rispetto e libertà di scelta.

  • Grazie Professore. Di Lorraine Rowland postfazione del Prof. Di Bella edizione Travel Factory. La sua "avventura " inizia nel 1984 e nei successivi 12 anni subisce la chemioterapia e 7 interventi chirurgici.. Nel 1996 quando sembrava che non ci fosse più niente da fare incontra il Professor Luigi Di Bella e... ricomincia a vivere. Lorraine Rolvland è una stupenda narratrice e la sua storia può essere di conforto, di esempio e di Stimolo a quanti lottano contro il cancro affinché non si lascino sopraffare né dalla malattia né dalle statistiche .

  • Sentenze di vita. DIRITTO DI ACCESSO ALLA TERAPIA DI BELLA . Esposizione ragionata di oltre 100 pronunciamenti successivi alla sperimentazione . Tribunali di tutta Italia danno ragione ai pazienti in cura con 1a Terapia Di Bella e, sulla base di consulenze tecniche d'ufficio, condannano le Asl a erogare gratuitamente i protocolli bocciati dal Ministero della sanità (dopo una sperimentazione sulle cui anomalie sono ancora in corso accertamenti). Dopo il successo del volume " Un po' di verità su/la terapia Di Bella", che ha riaperto il caso, I'autore ci guida in un appassionante viaggio negli uffici giudiziari italiani e fa emergere situazioni che ribaltano le sorti di una vicenda che si voleva archiviare eche invece è ancora tutta da scrivere . Il libro si rivela guida preziosa per pazienti e associazioni, ma soprattutto per  avvocati e giudici che sono chiamati in causa da tutti quei malati che vogliono ,giustamente, accedere alla "Terapia Di Bella".

  • La multiterapia biologica razionale dei tumori: il Metodo Di Bella. Principi fisiologici, meccanismi psicologici ed illustrazione di casi clinici Norsa Achille 2007, 299 p., ill., brossura Mattioli 1885  (collana Hydros Book)